Prot. com0001/12.01.2020

AL SINDACO DI NAPOLI

Luigi DE MAGISTRIS

AL DIRETTORE GENERALE

Attilio AURICCHIO

L’assunzione di 96 agenti di Polizia Municipale a tempo determinato, è per Napoli un passo importante e indispensabile a tutela della vivibilità, legalità e sicurezza del territorio. Purtroppo una goccia rispetto ai continui pensionamenti e ai problemi di una città complessa come la nostra. Per questo, e a prescindere dai 180 agenti che dovrebbero essere messi a disposizione dai concorsi già banditi per gli anni 2020-21, occorre sin d’ora operare per due obiettivi:

  1. Ampliare il numero degli assunti avendo come orizzonte l’intera graduatoria degli idonei. L’interlocuzione con il governo, che mette le risorse economiche tramite il decreto sicurezza, deve essere immediata e utile anche a recuperare i risparmi della parte di finanziamento non utilizzata nell’anno 2019.
  2. Chiedere subito un confronto con il Ministero dell’Interno sul tema dei compiti svolti dalla Polizia Locale su tematiche nazionali. Non ultimo l’accordo ANCI e Ministero Interno sul controllo del tasso alcolemico nei pressi di discoteche e luoghi di aggregazione giovanile.

Il primo atto deve essere la proroga del finanziamento sui contratti determinati anche per le annualità successive al dicembre 2020. Dare certezza al Corpo in termini di personale, della sua permanenza nel tempo e quindi della costruzione di percorsi formativi e conoscenza della realtà operativa della Polizia Municipale, significa dare un servizio di qualità ai cittadini e ai tantissimi turisti. Significa consentire la libertà di vivere le vie e le piazze della nostra città. Le politiche integrate di sicurezza urbana si basano su una molteplicità di fattori (pulizia. Illuminazione, iniziative, ecc.), di certo, però, la Polizia Locale ne è il baricentro.

Questa O.S. ha chiesto e sostenuto l’utilizzo delle risorse previste nel Decreto, con la stessa forte motivazione rivendica la costruzione di questi percorsi ben consapevole che per non disperdere quanto questi giovani impareranno l’unica strada è il tempo indeterminato.

Napoli, 12 gennaio 2020

Per La Segreteria 

ROBERTA STELLA